• Il Blog su SugarUX e SugarCRM di Cloudsolution
    Il Blog di Cloudsolution

Proponendo usualmente ai miei clienti progetti di E-Commerce, ho iniziato a documentarmi sulla Web Tax, o meglio sull’emendamento che è stato inserito nell’ultima manovra di governo.

Un po’ di chiarezza è necessaria in quanto l’E-Commerce rappresenta l’evoluzione naturale di concetti come social media Marketing e Brand Awarness.

Un sito dedicato alla vendita puo’ essere considerato una Piattaforma Digitale, quindi la Web Tax è tenuta a pagarla l’Azienda che vende beni e servizi.

L’emendamento stabilisce anche una aliquota che è pari al 3% e le modalità di versamento che dovrebbero essere trimestrali.

L’emendamento chiarisce anche che la Web Tax saranno tenuti a pagarla anche le aziende che raccolgono dati sensibili dai propri utenti e che trasferiranno con modalità diverse, tali dati ad altre aziende. Per i nostri usuali clienti di riferimento tale attività non è ‘Core Business’ per cui le preoccupazioni diminuiscono.

La Soglia è rappresentata dai Ricavi

Una buona notizia è rappresentata dal fatto che il Governo ha stabilito delle soglie sui Ricavi.

In definitiva, per essere soggetti alla Web Tax, si devono totalizzare, nell’anno solare, ricavi per una cifra superiore a 750 milioni di Euro e ricavi su Servizi Digitali non inferiori a 5,5 milioni di Euro.

In sostanza, le aziende che saranno interessate a questa nuova imposizione saranno i colossi quali Facebook, Amazon, Alibaba…etc.

Conclusioni

Per chi ha intenzione di spostare in parte o tutte le proprie attività di vendita sul web, non dovrebbero esserci preoccupazioni di sorta.

Mi auguro ovviamente  per loro che il problema possa prospettarsi in futuro.